In questa pagina ci occupiamo di un robot aspirapolvere prodotto da Samsung, il Navibot SR8825. Si tratta di un robot aspirapolvere di fascia medio-bassa, per cui dal prezzo molto contenuto rispetto ad altri dispositivi simili prodotti anche dalla stessa Samsung: consigliato, fin dall’inizio, se cercate un prodotto che costi poco pur senza avere funzionalità eccelse.
Se quello che state cercando è un prodotto del genere, questo Navibot potrebbe fare al caso vostro; potete leggere, qui di seguito, la nostra recensione, o in alternativa passare direttamente alla sezione delle conclusioni se non volete leggere tutto, per avere solamente una panoramica generale delle funzionalità del robot.

Si comporta bene, buona autonomia

Nonostante il prezzo non sia molto elevato, alle nostre prove non si è comportato male. Certo, non siamo ai livelli dei dispositivi più costosi, questo è ovvio, ma sa difendere la propria reputazione. Dopo averlo caricato la prima volta, lui parte e inizia a fare il suo lavoro di pulizia. Del sistema di orientamento, che non è ottimale, parliamo dopo, ma ha di buono che l’autonomia è molto alta, e il robot riesce a girare ininterrottamente per un ora e mezza, prima di tornare a caricarsi in automatico. Abbiamo particolarmente apprezzato come, nonostante non riparta da solo dalla stazione, quando riprende torna dove si era scaricato la volta precedente, per cui riparte a pulire da lì. Questo significa che, almeno nella logica della progettazione, la pulizia è continuativa e permette al robot di girare bene per tutta la casa. Una buona cosa in un robot dal basso costo.

Sistema di orientamento non ottimale e potenza troppo bassa

Il sistema di orientamento, come abbiamo accennato, è tutt’altro che ottimale. Infatti, nonostante si faccia una “mappa mentale” della casa abbastanza buona, ha qualche problema nell’avvicinarsi agli ostacoli, che evita, ma li evita da troppo lontano, così che non si avvicina né ai muri, né agli spazi stretti ma comunque più larghi di lui, in cui non entra a differenza di molti altri dispositivi del genere. Esiste una modalità con la quale si avvicina maggiormente alle pareti, la modalità Edge, ma è di una lentezza impressionante, e l’autonomia del robot non cambia, il che significa che pulirà molto meno utilizzandola. A nostro avviso, meglio la modalità normale supportata da una normale scopa. E poi c’è il problema della potenza di aspirazione, che è molto bassa, a giustificare il fatto che è molto silenzioso e che l’autonomia (e soprattutto il tempo di ricarica) è superiore a quello di robot di fascia più alta. Anche in questo caso, si può utilizzare la funzione “Turbo” per aspirare residui più pesanti dal pavimento, ma di pari passo l’autonomia della batteria si riduce, anche in questo caso. Le funzioni avanzate, insomma, “attingono” dalla batteria sempre e comunque.

Vantaggi

  • Dopo la ricarica automatica riprende a pulire dove era rimasto
  • Molto silenzioso
  • Buona autonomia della batteria e velocità di ricarica

Svantaggi

  • Il sistema di orientamento non è ottimale
  • Potenza di aspirazione bassa, se la vogliamo più alta attinge dall’autonomia

Scheda tecnica

  • Diametro: 35 cm
  • Altezza: 8 cm
  • Peso: 3,6 kg
  • Autonomia: 90 minuti
  • Tempo di ricarica: 120 minuti
  • Ritorno automatico alla base: si
  • Muri virtuali inclusi: no
  • Rumorosità: 60 dB
  • Capacità del cassetto: 0,6 L

Conclusioni

Come già detto all’inizio della pagina, non è certo un robot da 400/500 euro, e questo va messo in chiaro. Considerando il prezzo di vendita, non funziona male perché alla fine pulisce, ha una buona autonomia, quando ha finito di pulire torna a caricarsi e poi sa da dove ripartire, è molto silenzioso. Purtroppo le questioni negative sono anche le più importanti, in un robot aspirapolvere: il sistema di orientamento, che in realtà non funziona male ma sembra più tarato male, fa sì che il robot non si avvicini affatto agli ostacoli e non pulisca intorno. L’altro problema è la potenza di aspirazione, che è molto bassa; i residui più grandi non vengono aspirati, a meno che decidiamo di attivare la funzione che aumenta la potenza ma che allo stesso tempo riduce la durata della batteria, con il robot che pulisce meglio, ma meno di quanto potrebbe. Concludendo, il robot deve essere supportato anche dalla pulizia tradizionale, magari non da fare ogni giorno ma ogni due, tre giorni, ma da cui non si può prescindere; invece, se si cerca qualcosa di più potente è chiaro come vada cercato in un dispositivo che abbia anche un prezzo maggiore rispetto a questo; se non vogliamo spendere di più dobbiamo invece accontentarci di un robot con questi difetti.

Video del robot aspirapolvere Samsung Navibot SR8825

Il nostro voto

fullfullfullemptyempty
Samsung Navibot SR8825
Recensito da con voto: 3 su 5

Vuoi sapere quali parametri abbiamo considerato per formulare i voti?
Guarda la nostra tabella di valutazione.

Commenti e domande

Utilizza questo spazio per commentare o fare domande sul robot aspirapolvere Samsung Navibot SR8825.
Risponderemo quanto prima per toglierti ogni dubbio!

Altri robot della stessa marca